N° 13 - Aprile 2004

CHIUDI

 
 
SOMMARIO
Editoriale
Braccio Oddi Baglioni, Vice Presidente OICE
INTERVISTA
La rivoluzione copernicana dei Beni Culturali

Diminuisce o aumenta la tutela del Paesaggio con il nuovo Codice? E come ci si orienterà nell'alienazione dei Beni Artistici? Si corre il rischio di vendere pezzi di patrimonio pubblico ai privati? Risponde il ministro per i Beni Culturali, Giuliano Urbani - Francesca Cusumano

FORUM
Bell'Italia. Chi Paga?

Il 3% dei fondi delle infrastrutture dovrebbe servire a riqualificare Beni Culturali afferenti alle aree di intervento dei lavori pubblici. E il resto del patrimonio? Quanto andrà in gestione al privato? E come conciliare la riqqualificazione dei beni vincolati con il condono recentemente approvato? Competenze tecnico-manageriali alle Soprintendenze e società pubblico/private per la valorizzazione dei beni sono le ie di sviluppo possibili: E' quanto è emerso nel Forum sul Restauro organizzato da OICE - A cura di F. Cusumano e R. Arbore

CULTURA E PROGETTO
Restauro: una storia italiana

Alle conquiste teoriche non ha sempre fatto riscontro una corretta gestione del patrimonio storico: A fronte dìsi un notevole sviluppo della tecnica del restauro, spesso sganciata da un'effettiva motivazione conservativa, continua a rimanere in ombra la questione della manutenzione. Anche centri storici e contesti paesaggistici restano grandi questioni aperte, senza segnali chiari di definizione civile e politica - Claudio Varagnoli

AMBIENTE
La crescita come trasformazione urbana

A Roma due grandi operazioni di recupero vedono protagonisti attivi operatori pubblici e privati e partner istituzionali. I quartieri Ostiense ed Esquilini paradigmatici del nuovo corso di riqualificazione - Roberto Morassut

EDILIZIA
"La Porta d'accesso" alle Residenze Sabaude

Un patrimonio ambientale e architettonico straordinario recuperato in un quadro di riqualificazione globale d'area. Un'occasione importante di rilancio turistico e culturale per Il Piemonte

Un monastero…pubblico

Un intervento combinato di recupero strutturale e adeguamento funzionale. Con un'addizione discreta, rispettosa della preesistenza - Vittorio Giola

Pubblico … per un giorno

Il restauro di una residenza privata, sottoposta a vincolo di tutela del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, è stato parzialmente finanziato dalla Soprintendenza. E i proprietari, in contropartita, aprono periodicamente al pubblico - Rodolfo Bianchi

Risorse combinate

Un Programma Comunitario, il P.O.R. Campania e il P.I.T. del Parco Nazionale hanno consentito di finanziare la ristrutturazione del Castello Baronale di Stella Cilento. E di stimolare la riqualificazione dell'intero ambito territoriale in chiave turistica - Michele Gatto e Sabrina Franchini

5 gradi e mezzo a dritta

47 perforazioni inclinate e 38 metri cubi di terreno estratti: la Torre di Pisa è stata raddrizzata di ben mezzo grado, guadagnando 44 centimetri, che le garantiscono almeno altri 300 anni di sicurezza - Antonella Pirovano

Quale restauro?

La semplificazione dei procedimenti e l'ampliamento delle competenze del Soprintendente, promossi dal Testo Unico, possono aiutare nella definizione dei problemi, ma solo la sensibilità del restauratore può consentire interventi adeguati senza rischi di compromissione del bene.
Nella migliore tradizione italiana - Maria Beatrice Mirri

Recupero: safety e security

Interventi più "leggeri" e rispettosi per il restauro degli impianti grazie al D.P.R. 577/82 che introduce anche in Italia il concetto di sicurezza equivalente
Alberto Arenghi

La rinascita della Fenice

Sembrava un tipico caso all'italiana di gestione di un'opera pubblica: un'impresa fallita; ritardi negli appalti, un progetto vincitore non esecutivo. Ma con la nomina del Sindaco a Commissario Delegato, un appalto integrato, la tempestiva ridefinizione progettuale in corso d'opera, il teatro è rinato. Dalle sue ceneri - Mario Corsini

INFRASTRUTTURE
Il ponte dei tram

Fortemente ammalorato per le infiltrazioni d'acqua, il ponte di Gaggiano è stato riqualificato con particolare attenzione alle significative emergenze architettoniche di contorno, Inalterato il sapore ottocentesco grazie ad un "secondo ponte" per diversificare i carichi - Giulia Marcianò

GARE E APPALTI
Bandi: flessione del 50% 

Battuta d'arresto nel mese di gennaio. In forte calo soprattutto le gare per opere di maggior importo. Dati in diminuzione anche per gli altri paesi dell'Unione Europea - A cura di Roberto Arbore e Luigi Antinori

NORMATIVA E GIURISPRUDENZA
a cura di Andrea Mascolini